Lavoro da remoto: organizza le tue attività, conquista il successo

da | Apr 26, 2024 | Smart Working

Negli ultimi anni, il lavoro da remoto ha conosciuto un’espansione senza precedenti, favorito dall’avanzamento tecnologico e da un panorama lavorativo in continua evoluzione.
Sono numerose ormai, le realtà aziendali ma anche individuali, che hanno scoperto i vantaggi di questa modalità lavorativa, che si traducono in benefici concreti sia per i liberi professionisti che per le imprese.

 

Vantaggi concreti per tutti

Innumerevoli sono i vantaggi riscontrati da chi sposa lo smart working come scelta lavorativa. Tra i più importanti troviamo:

Aumento della produttività: diversi studi dimostrano che le persone da remoto possono essere più produttive al pari o in una componente maggiore di quelle in ufficio. Ciò è dovuto a una minore distrazione e alla possibilità di strutturare la giornata lavorativa in modo più efficiente.

Migliore equilibrio tra vita privata e lavorativa: il lavoro da remoto offre maggiore flessibilità, permettendo alle persone di conciliare meglio vita privata e lavoro. La possibilità di scegliere l’orario lavorativo e di lavorare da casa fa risparmiare tempo negli spostamenti e regala più tempo da dedicare alla famiglia e agli hobby.

Minori costi per le aziende: il lavoro da remoto permette alle aziende di ridurre i costi degli spazi per uffici, delle attrezzature e delle utenze.

Maggiore fidelizzazione di collaboratori e collaboratrici: le persone da remoto tendono ad essere più felici e coinvolte nel lavoro, e scelgono, di conseguenza, di restare in azienda più volentieri.

 

Dati che parlano da soli

Il lavoro da remoto si basa molto sull’organizzazione personale e lavorativa. Tra i molti strumenti che accorrono in aiuto, le to-do-list occupano sicuramente le prime posizioni. Sebbene non ci siano dati definitivi che quantifichino l’impatto preciso delle liste sull’organizzazione del lavoro in smart working, diverse ricerche evidenziano i benefici di questo approccio:

1. Aumento della produttività: uno studio della University of California, ha rilevato che le persone che utilizzavano le liste delle cose da fare erano in grado di completare il 45% in più di attività rispetto a quelle che non lo facevano.
Un’indagine di Forbes ha scoperto che il 52% delle persone che utilizzavano le liste a lavoro ha registrato una riduzione dello stress lavorativo.

2. Miglioramento della qualità del lavoro: uno studio del Draugiem Grupē ha rilevato che le persone che utilizzavano le liste delle attività da svolgere mentre lavoravano, commettevano il 20% in meno di errori rispetto a quelle che non lo facevano.

3. Maggiore motivazione e soddisfazione lavorativa: uno studio della University of Texas at Austin ha rilevato che le persone che utilizzavano le liste delle attività da fare erano più motivate e soddisfatte del proprio lavoro rispetto a quelle che non lo facevano.
Un’indagine di CareerBuilder ha scoperto che il 63% delle persone che utilizzavano le liste ha riscontrato un aumento del proprio senso di realizzazione lavorativa.

 

Le liste: uno strumento per il successo

Per sfruttare al meglio il lavoro da remoto, è dunque fondamentale avere una buona organizzazione e dotarsi degli strumenti adeguati.

Tra questi, le liste sono lo strumento organizzativo per eccellenza.

Ecco quindi alcuni consigli su come utilizzare le to-do list per organizzare le attività da remoto:

1. Scegli lo strumento giusto: esistono diverse app e strumenti per la gestione delle to-do list, ognuna con i suoi pro e contro. Alcuni dei più popolari includono:
Todoist:Un’app completa con funzionalità come promemoria, suddivisione delle attività e collaborazione.
TickTick:Un’altra app ricca di funzionalità con un’interfaccia intuitiva e sincronizzazione multipiattaforma.
Asana:Ideale per la gestione di progetti e il lavoro in team.
Google Tasks:Un’opzione semplice e integrata con altri servizi Google.
Note: Un’app preinstallata su molti dispositivi, che può essere utilizzata anche per creare semplici to-do list.

2. Scrivi attività chiare e concise: ogni attività dovrebbe essere descritta in modo da sapere esattamente cosa fare.

3. Imposta priorità e scadenze: non tutte le attività sono uguali. Assegna a ciascuna attività un livello di priorità (alto, medio, basso) e una scadenza.

4. Suddividi le attività grandi in attività più piccole: le attività grandi e complesse possono sembrare opprimenti. Suddividile in attività più piccole e gestibili per renderle meno intimidatorie e più facili da completare.

5. Usa le categorie: organizza le tue attività in categorie per argomento, progetto o area di responsabilità. Questo ti aiuterà a trovare rapidamente ciò che stai cercando e a vedere come le tue attività si inseriscono nel quadro generale.

6. Delega le attività: se lavori in team, puoi delegare attività ad altri membri del team. Questo può aiutarti a liberare tempo per concentrarti sulle tue priorità.

7. Fai regolarmente il punto della situazione: prenditi del tempo per rivedere la tua to-do list e valutare i tuoi progressi. Questo ti aiuterà a rimanere sulla buona strada e apportare eventuali modifiche necessarie.

8. Sfrutta l’integrazione con altri strumenti: molti strumenti per la gestione delle to-do list si integrano con altri strumenti di produttività, come calendari ed e-mail. Questo può aiutarti a centralizzare le tue attività e informazioni in un unico posto.

9. Trova ciò che funziona meglio per te: sperimenta con diversi strumenti e metodologie per trovare ciò che funziona meglio per te. La cosa più importante è trovare un sistema che ti aiuti a rimanere organizzato e produttivo. Possiamo lavorare insieme e integrare tutti questi punti nella creazione del tuo metodo per organizzare il lavoro.

Il tuo successo nel lavoro da remoto non è un traguardo da raggiungere in un sol colpo, ma un percorso di crescita continua, fatto di flessibilità, adattabilità e costante ricerca del miglioramento. Con il giusto approccio e gli strumenti adeguati, il lavoro agile può diventare la chiave per il tuo futuro lavorativo più gratificante, produttivo e appagante.

 

“Le to-do list sono come le mappe stradali: ti aiutano a raggiungere la tua destinazione.”

David Allen

 

Vuoi riuscire ad organizzare meglio le tue to-do-list? Possiamo farlo insieme!

Questo articolo fa parte del filone “Organizzazione” che ci accompagnerà fino all’estate, se non l’hai ancora fatto, leggi gli altri: Come fare ordine nel tuo lavoro, Smartworking: 5 consigli per organizzare lo spazio di lavoro.

Un ebook in regalo per te

Si chiama “Organizzazione del lavoro e gestione del tempo: guida allo smart working” e puoi riceverlo gratuitamente iscrivendoti alla mia newsletter.

L’ho creato per fornirti una guida attuale allo smart working, ponendo un’attenzione particolare sull’organizzazione del lavoro e la gestione del tempo.

È ricco di informazioni utili ed esempi di strumenti e tecniche che vogliono supportare liberi professionisti e aziende con dipendenti in smart working per la riuscita di questa scelta professionale.

Daniela Perfetti, professional organizer per l’azienda e la libera professione

Potrebbe interessarti anche:

Smartworking: 5 consigli per organizzare lo spazio di lavoro

Smartworking: 5 consigli per organizzare lo spazio di lavoro

Lo Smartworking sta diventando una modalità di lavoro sempre più diffusa, offrendo numerosi vantaggi sia a liberi professionisti che alle aziende che decidono di implementarlo per i propri e le proprie dipendenti. Se hai già letto il primo articolo Come fare ordine...

Smart Working: la produttività riscritta, un valore aggiunto

Smart Working: la produttività riscritta, un valore aggiunto

Negli ultimi anni, l'approccio dello smart working ha radicalmente trasformato il nostro modo di intendere il lavoro. Tuttavia, il suo potenziale viene spesso frainteso, riducendolo a una questione di produttività tradizionale. Scavare più a fondo, abbracciando una...