Smart Working: come sta cambiando il lavoro nell’era del digitale

da | Ott 27, 2023 | Smart Working

Nell’era digitale, le tecnologie avanzate hanno trasformato, e continuano a farlo quotidianamente, il modo in cui lavoriamo. Una delle principali innovazioni nel contesto del lavoro è lo smart working.

Lo smart working (o Lavoro Agile) nel corso degli anni si sta ampliando, a seguito della necessità di trovare soluzioni innovative per le sfide del lavoro tradizionale. Il mercato del lavoro sta vivendo una trasformazione significativa poiché sempre più aziende e liberi professionisti adottano questa modalità lavorativa; i settori più avanzati e dinamici si stanno attivando per una maggiore adozione dello smart working, per attrarre i migliori talenti e migliorare la produttività.

In questo articolo, esploreremo il concetto di smart working con le sue implicazioni, e analizzeremo i vantaggi che lo caratterizzano e i punti di miglioramento per la sua applicazione.

Ma partiamo dal principio.

Che cos’è lo Smart Working?

Lo smart working oggi, non è più una novità. È piuttosto una modalità di lavoro che diventa sempre più frequente, che ognuno vive e percepisce in maniera personale e personalizzata, con elementi distintivi che lo caratterizzano rispetto al lavoro tradizionale.

Ecco perché, vorrei partire da questa definizione: “Lo smart working è un modello organizzativo che consente alle persone di svolgere le proprie mansioni in modo flessibile, indipendentemente dal luogo fisico in cui lavorano. Grazie all’uso di tecnologie digitali, come computer portatili, connessione Internet ad alta velocità, software di collaborazione e applicazioni mobili, i dipendenti possono lavorare da casa, da uno spazio di coworking o da qualsiasi altro luogo che ritengano appropriato.

Credo sia interessante definire anche cosa NON è smart working:

  • NON è smart working lavorare in ufficio,
  • NON è smart working lavorare senza l’utilizzo della tecnologia,
  • NON è smart working lavorare in modo NON flessibile,
  • Lavorare come freelance, NON significa necessariamente lavorare in smart working.

Specificare cosa “NON è” è importante per non confondere lo smart working con altre modalità di lavoro e per comprenderne le caratteristiche che lo rendono unico nel suo genere.
Oggi, due aspetti sono rilevanti per poter approcciarsi al meglio allo smart working: l’organizzazione del lavoro e la gestione efficace del tempo.
Vediamo meglio perché.

Per quanto riguarda l’organizzazione del lavoro, occorre tenere ben presente che una delle caratteristiche più rilevanti (e tra le più apprezzate) è che quando si lavora in smart working si è meno legati ad un ambiente fisico tradizionale. Ma questo richiede anche maggiore pianificazione e studio, passando anche per vari tentativi, per trovare la propria forma ottimale di realizzazione.
Le persone che lavorano smart working, possono organizzare il loro tempo e il loro spazio di lavoro in modo più autonomo, mantenendo al contempo il contatto con i colleghi e i responsabili attraverso le tecnologie digitali. Questo modello, se ben implementato, può portare a una maggiore flessibilità nella gestione delle risorse aziendali e a una migliore conciliazione tra vita lavorativa e vita privata per i dipendenti.

In merito alla gestione del tempo, nello smart working è fondamentale massimizzare la produttività, mantenere un equilibrio tra lavoro e vita personale e garantire che le attività siano completate in modo efficace. La gestione del tempo di lavoro, in quanto flessibile, permette di dedicare la parte restante di esso ad aspetti altrettanto importanti per il benessere della persona, alimentando un circolo virtuoso di produttività-motivazione-implicazione-realizzazione, personale e professionale.

Organizzazione e gestione del tempo, fanno da sfondo ad una serie di vantaggi e punti di miglioramento per un modello lavorativo che vede coinvolte sempre più persone.

Vantaggi dello smart working

I vantaggi che vi propongo sono frutto delle considerazioni precedenti ma anche della mia esperienza e di quella di altri colleghi e amici che sperimento in alternanza questa modalità.

  • Flessibilità: è un elemento che emerge come tra i più importanti tra le persone che lavorano in smart working. Questo modello infatti, offre ai chi lo mette in atto la possibilità di lavorare in modo più flessibile, adattando le proprie ore di lavoro ai momenti più produttivi della giornata.
  • Conciliazione Vita-Lavoro: le persone possono conciliare meglio i loro impegni personali e familiari, riducendo lo stress legato agli spostamenti pendolari.
  • Aumento della Produttività: diverse ricerche hanno dimostrato che molte persone sono più produttive quando lavorano da casa, grazie all’assenza di distrazioni tipiche dell’ufficio.
  • Riduzione dei Costi: per le aziende, lo smart working può portare a una riduzione dei costi operativi, poiché potrebbero essere necessari meno spazi fisici e risorse logistiche. Per i dipendenti, altrettanto vantaggiosa è la riduzione dei costi dovuti agli spostamenti in auto/mezzi pubblici, che riscontrano già nel breve periodo.
  • Attrazione e Fidelizzazione dei Talenti: le aziende che offrono opzioni di smart working sono viste e percepite come innovative e moderne. Di conseguenza riescono ad attrarre e trattenere talenti, soprattutto tra i più giovani e i professionisti altamente qualificati.

Punti di miglioramento

I punti di miglioramento sono il motore di qualsiasi cosa non venga data per definitiva e scontata, o “chiusa”. Lo smart working non è un modello chiuso, per definizione, ed oggi, migliorarlo è un obiettivo comune, dell’individuo così come dell’azienda, grande o piccola.

  • Isolamento e Mancanza di Integrazione: alcune persone sperimentano solitudine lavorando da casa e rischiano di perdere il senso di appartenenza al team.
  • Difficoltà di Gestione: gestire un team in smart working è una sfida in termini di comunicazione e coordinamento delle attività.
  • Equilibrio tra Lavoro e Vita Personale: alcune persone fanno fatica a stabilire un confine netto tra il lavoro e la vita personale, portando a una sovrapposizione delle responsabilità e ad un maggiore carico di stress.
  • Accesso a Risorse Limitate: non tutti dispongono di un ambiente di lavoro adeguato a casa, e alcuni potrebbero affrontare problemi di connessione Internet e tecnologici.
  • Minore Collaborazione Creativa: a mancanza di interazione faccia a faccia a volte ostacola la collaborazione e la creatività all’interno del team.

Conclusioni

Lo smart working sta ridefinendo il modo in cui lavoriamo e il mercato del lavoro nel suo complesso. Sebbene presenti molti vantaggi, è fondamentale affrontare anche gli aspetti da migliorare, ed agire al fine di rendere davvero questa modalità “Agile”. L’equilibrio tra lavoro e vita personale, l’organizzazione delle attività e la promozione della collaborazione creativa rimangono sfide da affrontare. Tuttavia, con un’adeguata pianificazione e un uso oculato delle tecnologie, lo smart working può trasformarsi in un motore di crescita e produttività per le aziende, dipendenti e liberi professionisti.

Un ebook in regalo per te

Si chiama “Organizzazione del lavoro e gestione del tempo: guida allo smart working” e puoi riceverlo gratuitamente iscrivendoti alla mia newsletter.

L’ho creato per fornirti una guida attuale allo smart working, ponendo un’attenzione particolare sull’organizzazione del lavoro e la gestione del tempo.

È ricco di informazioni utili ed esempi di strumenti e tecniche che vogliono supportare liberi professionisti e aziende con dipendenti in smart working per la riuscita di questa scelta professionale.

Daniela Perfetti, professional organizer per l’azienda e la libera professione

Potrebbe interessarti anche:

Smartworking: 5 consigli per organizzare lo spazio di lavoro

Smartworking: 5 consigli per organizzare lo spazio di lavoro

Lo Smartworking sta diventando una modalità di lavoro sempre più diffusa, offrendo numerosi vantaggi sia a liberi professionisti che alle aziende che decidono di implementarlo per i propri e le proprie dipendenti. Se hai già letto il primo articolo Come fare ordine...

Smart Working: la produttività riscritta, un valore aggiunto

Smart Working: la produttività riscritta, un valore aggiunto

Negli ultimi anni, l'approccio dello smart working ha radicalmente trasformato il nostro modo di intendere il lavoro. Tuttavia, il suo potenziale viene spesso frainteso, riducendolo a una questione di produttività tradizionale. Scavare più a fondo, abbracciando una...